Eventi

Cyber Guru, l’awareness come arma di difesa – Data Manager

Data manager Cyber Guru

Articolo di Giuseppe Badalucco tratto da Data Manager

Nuova piattaforma di smart learning e servizi gestiti per consolidare la crescita. Già disponibile la nuova piattaforma CG Channel. Imminente l’annuncio della firma di un accordo di distribuzione con Arrow Electronics e l’avvio di una politica di rivendita in modalità Managed Service Provider

La pandemia non frena i piani di espansione di Cyber Guru, leader nel campo della formazione avanzata in tema di cybersecurity. Archiviato il 2020 con l’acquisizione di decine di nuovi clienti e con la definitiva uscita dal Gruppo Daman attraverso un processo di spin-off, l’azienda guarda al futuro con l’obiettivo di allargare la sua offerta con il lancio di Cyber Guru Channel, l’innovativa soluzione di formazione induttiva composta da una serie di video focalizzati sulle principali minacce cyber, e con una nuova politica di canale.

«La nuova piattaforma – spiega Gianni Baroni, amministratore delegato di Cyber Guru – mette a disposizione dei nostri clienti una serie di episodi tv che descrivono fatti realmente accaduti, relativi a frodi o attacchi hacker. Temi tratti dall’attualità, realizzati con tecniche di produzione avanzata e uno storytelling particolarmente coinvolgente. «L’obiettivo – spiega Baroni – è di aumentare il livello di consapevolezza degli utenti delle tecnologie digitali attraverso un percorso di formazione basato su una metodologia induttiva. Catturando per almeno 7 minuti l’attenzione dello spettatore con una serie di video Netflix-like, che lo inchiodino al plot della storia». Episodi rilasciati con cadenza mensile durante i quali si affrontano temi specifici come la truffa del CEO, lo smart working, i pericoli delle chiavette USB, e così via. Gli episodi sono corredati da materiali di approfondimento e a breve anche da un video esplicativo, in grado di aiutare l’utente a estrapolare dal caso particolare considerazioni e ragionamenti su casi più generali.

Per leggere tutto l’articolo pubblicato da Data Manager