Netflix: il Phishing sotto l’albero

Security Awareness
30 Dicembre 2018

Anche Netflix, il gigante dello streaming video, finisce nelle mire del Cyber Crime, che cerca di sfruttare la notorietà dei brand più famosi per portare a termine le proprie attività fraudolente.

La truffa consiste nella classica mail di PHISHING, con la quale si invita l’utente a cliccare su un link e sistemare problemi connessi con la fatturazione.

L’obiettivo è quello di sottrarre all’utente informazioni personali critiche, che possono essere utilizzate per mettere in atto ulteriori truffe. In questo caso si tratta di informazioni particolarmente delicate, visto che si tratta di informazioni di pagamento.

Inutile dire che Netflix non ha alcune responsabilità sulla vicenda. La società si è anzi impegnata tempestivamente per mettere in guardia i suoi utenti rispetto a questa e ad altre frodi basate su quello che è un uso abusivo di Brand.

Come riconoscere la truffa?

Le mail ricevute non sono particolarmente sofisticate, e contengono numerosi indizi di un’attività di PHISHING, a partire dal mittente e dal tono eccessivamente confidenziale. Per cui se l’utente utilizza un approccio attento e riflessivo e non si lascia guidare dal senso di pressione e urgenza contenuti nel testo della mail, riuscirà a riconoscere il tentativo di frode e agirà di conseguenza. Un modo corretto di agire può essere quello di ignorare la mail oppure di contattare il call center della società per segnalare la ricezione della mail e chiedere chiarimenti.

Nella pagina dedicata all’argomento PHISHING, il popolare Brand ribadisce che non rientra nelle sue modalità operative richiedere informazioni personali via mail. 

Questo concetto è basilare per evitare di cadere vittima di truffe di questo tipo: i brand, soprattutto quelli più grandi e strutturati, non richiedono mai informazioni personali via mail. 

Se siete interessati a suggerimenti pratici per evitare esperienze “spiacevoli” vi invitiamo a seguire le nostre Cyber Pillole.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Articoli correlati

Deepfake: c’è chi li riconosce

Deepfake: c’è chi li riconosce

Non solo brutte notizie, per riconoscere i Deepfake la soluzione c’è. Un grande paradosso di oggi è quello che se da un lato la Rete è diventata la nostre fonte principale di informazioni, dall’altro la stessa Rete può diventare uno dei principali strumenti di...

leggi tutto